Meatte e Boccaor: un Escursione sul Monte Grappa tra cielo e terra

Escursione sul Monte Grappa: la trincea delle Meatte e la mulattiera del Boccaor, la strage dell’inverno 1917

Un itinerario denso di significato se si pensa a quanto sacrificio è costata costruire questa mulattiera durante la

Un itinerario denso di significato se si pensa a quanto sacrificio è costata costruire questa mulattiera durante la Grande Guerra. A picco sui dirupi della valle del Lastego, la strada attraversa una serie di piccole gallerie costruite in tutta fretta dopo la disfatta di Caporetto. Sulle sue pendici, arroccati in maniera impensabile, cento anni fa c’erano i baraccamenti dei soldati. Un escursione sul Monte Grappa tra il cielo e la terra.

 


“Dormivamo stretti l’uno all’altro Dietro il costone della Meatta si sentivano, incessantemente, i colpi degli obici austriaci. Dalla baracca vedevo la pianura illuminata dal plenilunio. Chissà se anche laggiù si sentono i colpi degli striaci, laggiù c’è la Maria con mamma, signore mio, risparmia almeno loro questo supplizio”


 

DURATA: giornata intera (circa 5/6 ore)

PRANZO: al sacco o presso il rifugio Ardosetta

DIFFICOLTA’: media il dislivello è di circa 350 mt.

NUMERO PARTECIPANTI: massimo 50 persone

ACCOMPAGNATORI: è previsto un accompagnatore UNPLI ogni 20/25 partecipanti

 

Vuoi prenotare questa escursione? oppure ricevere maggiori dettagli?

Scrivimi compilando questo modulo contatti.

Verrai ricontattato telefonicamente entro 24 ore


INVIA
inviando il modulo autorizzi il trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003

 

Su per la trincea scavata nella roccia

Quando la Grande Guerra è arrivata sul Massiccio del Grappa le truppe italiane erano del tutto impreparate. Luigi Cadorna, anche se non lo dichiarò mai, si trovò completamente spaesato di fronte ad un’avanzata così rapida dell’esercito nemico.

La sua idea era di fare un nuovo fronte sulla linea del fiume Po’, abbandonando la montagna e la pedemontana. Eroismo e fortuna aiutarono l’esercito Italiano.

Il maltempo e la visione poco realistica dei generali Austroungarici, che avevano già considerato vinta la guerra, permise all’ingegno Italiano di arroccarsi e resistere per l’intero inverno. Il resto lo fece la fame e la disorganizzazione Austroungarica.

 

Una Escursione sul Monte Grappa che percorre una trincea scavata nella roccia, aiuta a capire quanta fatica e quanta sofferenza trasuda ancora oggi questo luogo.

L’itinerario parte dal Pian dea Bala, poco dopo il rifugio Ardosetta. La salita viene fatta seguendo la stretta strada delle Boccaor. All’occhio attento non sfuggono le tracce lasciate dalla Grande Guerra: postazioni e resti di baraccamenti non mancano.

Giunti sulla vetta, lo spettacolo sulla pianura sottostante è mozzafiato. La discesa verso il punto di partenza è tutta all’interno della trincea, ultimo baluardo difensivo della battaglia d’arresto. Interamente scavata nella roccia, rimane una degli esempi meglio conservati di archeologia bellica del Grappa.

 

Vi invitiamo a leggere cosa ne pensano gli amici che hanno già provato l’esperienza di un incontro assieme a noi.

 

approfondimenti

Scopri anche gli altri Itinerari sul Monte Grappa

Altre pagine della nostra storia da vivere in prima persona:

clicca qui

 

 

Fai conoscere questo itinerario ad un tuo amico

condividi questa pagina nella Bacheca dei tuoi Social

clicca sui pulsanti di condivisione sottostanti

 

Scrivi il tuo Commento